UE: Potrebbero tornare le batterie del telefono facilmente sostituibili

Ti piacerebbe vedere il loro ritorno?

Ricordi quando le batterie rimovibili erano una caratteristica standard sui telefoni? È uno spettacolo piuttosto raro di questi tempi, ma dopo il successo ottenuto con l’USB-C come formato di ricarica standard per i dispositivi, l’UE sta spingendo affinché le batterie dei gadget elettronici siano facilmente sostituibili.

Dopo aver sostenuto per oltre un decennio una soluzione di ricarica universale, a ottobre la Commissione europea ha votato in modo netto a favore di una legislazione che vedrebbe tutti i telefoni, i tablet e altri piccoli dispositivi elettronici venduti nella regione dotati di porte USB-C entro il 2024. Il Consiglio europeo ha approvato il mandato poche settimane dopo e ha recentemente confermato la scadenza del 28 dicembre 2024, con laptop dati fino al 28 aprile 2026.

Mentre la maggior parte dei telefoni (a parte gli iPhone) utilizza USB-C, PocketNow ha individuato una legge diversa proposta dall’UE che avrebbe un impatto non solo su Apple: il Parlamento e il Consiglio dell’UE hanno raggiunto un accordo provvisorio per rivedere le norme dell’UE sulle batterie portatili. In sostanza, devono essere più facili da rimuovere e sostituire in dispositivi come i telefoni e i consumatori devono essere meglio informati.

Il Samsung Galaxy Xcover 5. Uno dei pochi smartphone moderni con una batteria rimovibile

Come per il mandato USB-C, la legge sulle batterie è progettata per ridurre i rifiuti elettronici, in parte aumentando la riparabilità dei dispositivi e prolungandone il ciclo di vita. Inoltre, le aziende saranno obbligate per legge ad accettare e riciclare le vecchie batterie e dovranno coprire i costi di raccolta di tali batterie.

“Gli obiettivi di raccolta sono fissati al 45% entro il 2023, al 63% entro il 2027 e al 73% entro il 2030 per le batterie portatili, e al 51% entro il 2028 e al 61% entro il 2031 per le batterie LMT”, affermano le misure del regolamento. “I livelli minimi di cobalto recuperato (16%), piombo (85%), litio (6%) e nichel (6%) dai rifiuti di produzione e di consumo devono essere riutilizzati nelle nuove batterie”.

I produttori di dispositivi avranno tutto il tempo per apportare eventuali modifiche qualora ciò diventi legge: il requisito entrerebbe in vigore solo 3,5 anni dopo che il Parlamento e il Consiglio avessero approvato formalmente l’accordo.

Non è la prima volta che sentiamo parlare delle intenzioni dell’UE di riportare indietro le batterie dei telefoni sostituibili. La bozza del piano è stata presentata nel 2020 e sembra procedere lentamente ma inesorabilmente.

Mentre molti consumatori probabilmente apprezzeranno il ritorno delle batterie rimovibili nei telefoni (nell’UE, comunque), è improbabile che i produttori siano soddisfatti della legge e indichino i vantaggi delle unità sigillate, come una migliore impermeabilità e batterie più grandi. Aspettatevi che alcuni cerchino di aggirare la legge indicando i propri programmi di riparazione/sostituzione.

(articolo tradotto in italiano)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *