News Internet

WhatsApp è stato multato in Irlanda alla cifra record di $ 267 milioni per violazioni del GDPR

Il DPC sta indagando sulla conformità di WhatsApp alla legge sulla privacy GDPR dell’Unione Europea dal 2018.

Questa multa di € 225 milioni (circa $ 267 milioni) arriva dopo che il Comitato europeo per la protezione dei dati (EDPB) ha condotto la propria revisione del caso e ha consigliato il DPC in fine luglio su quanto dovrebbe andare bene su WhatsApp.

Reuters riferisce che l’attivista per la privacy Max Schrems, che in passato si è opposto a Facebook in più casi sulla privacy, ha affermato che la multa originale del DPC era di soli 50 milioni di euro. Un portavoce di WhatsApp ha affermato che la società non è d’accordo con la decisione e ritiene che la sanzione sia sproporzionata. WhatsApp ha intenzione di fare appello.

Dopo che l’indagine del DPC ha stabilito che la trasparenza di WhatsApp su ciò che stava facendo con le informazioni degli utenti non rispettava gli obblighi del GDPR, l’indagine dell’EDPB ha stabilito che le violazioni di WhatsApp erano più gravi.

“Per quanto riguarda la raccolta di dati di non utenti da parte di WhatsApp IE – quando gli utenti decidono di utilizzare la funzionalità Contact Feature – l’EDPB ha rilevato che nel caso di specie, la procedura utilizzata da WhatsApp IE non porta all’anonimizzazione [sic] dei dati personali raccolti ,” afferma il comunicato stampa dell’EDPB come il seguente esempio sotto.

Decisione vincolante 1/2021 sulla controversia sorta sul progetto di decisione dell’Autorità di vigilanza irlandese in merito a WhatsApp Ireland ai sensi dell’articolo 65 (1) (a) GDPR tramite il Comitato europeo per la protezione dei dati.

I co-fondatori originali di WhatsApp, Brian Acton e Jan Koum, l’hanno progettata per essere un’app di comunicazione incentrata sulla privacy.

Dopo che Facebook l’ha acquisita nel 2014, ha voluto raccogliere dati sugli utenti di WhatsApp per pubblicità mirata, il che ha portato a disaccordi con i co-fondatori. Acton e Koum alla fine se ne andarono.

Acton ha iniziato ad aiutare nello sviluppo di Signal, un’altra app di comunicazione incentrata sulla privacy.

All’inizio di quest’anno, WhatsApp ha annunciato che i suoi utenti extra UE avrebbero dovuto iniziare a condividere i dati con Facebook, altrimenti avrebbero perso funzionalità.

Tali dati potrebbero includere cose come numeri di telefono, numeri di telefono di amici e dati diagnostici. Inizialmente ha persino minacciato di eliminare gli account che non rispettavano, ma ha ceduto.

Fonte: https://www.techspot.com/news/91085-whatsapp-fined-record-267-million-gdpr-violations.html

Qual è la tua reazione?

Articoli correlati

1 di 88
Share via
×
Notifiche da Facebook
×
Notifiche da Instagram
×
Notifiche iscrizione
Send this to a friend