venerdì 27 Gennaio 2023

Ultimi articoli

Internet

WhatsApp di Meta pagherà una multa di 5,5 milioni di euro per violazioni del GDPR

WhatsApp di Meta, l’app di messaggistica di proprietà di Facebook, è stata multata con 5,5 milioni di euro dall’Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali (AGPD) per violazioni del Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (GDPR).

La multa è stata comminata a seguito di un’indagine condotta dall’AGPD, che ha scoperto che WhatsApp ha violato le norme GDPR in tre aree specifiche. In primo luogo, l’app ha raccolto e trattato i dati personali degli utenti senza il loro consenso esplicito, violando l’articolo 7 del GDPR. In secondo luogo, WhatsApp ha trattato i dati personali degli utenti in modo non adeguato, violando l’articolo 5 del GDPR. Infine, l’app non ha fornito agli utenti informazioni sufficienti su come i loro dati personali vengono trattati, violando l’articolo 13 del GDPR.

La multa di 5,5 milioni di euro rappresenta una delle sanzioni più elevate comminate finora per violazioni del GDPR. È importante notare che questa sanzione non è solo una punizione per WhatsApp, ma anche un monito per altre società di adeguarsi alle norme GDPR e di proteggere i dati personali degli utenti.

WhatsApp

In una dichiarazione rilasciata a seguito dell’annuncio della multa, WhatsApp ha dichiarato di essere “deluso” dalla decisione dell’AGPD e di aver “lavorato duramente per conformarsi alle norme GDPR“. L’app ha inoltre affermato di aver “apportato modifiche significative alla propria piattaforma per garantire che i dati degli utenti siano trattati in modo sicuro e rispettoso della privacy”.

Nonostante queste affermazioni, la multa di WhatsApp dimostra che c’è ancora molto lavoro da fare per garantire la conformità alle norme GDPR e proteggere i dati personali degli utenti. Per le aziende, questo significa investire in processi e tecnologie per garantire che i dati degli utenti siano trattati in modo sicuro e rispettoso della privacy, nonché fornire agli utenti informazioni chiare e trasparenti su come i loro dati vengono trattati.

In conclusione, la multa di 5,5 milioni di euro comminata a WhatsApp dimostra che le autorità di regolamentazione sono sempre più pronte a sanzionare le società che violano le norme GDPR. È importante per le aziende adeguarsi alle norme e proteggere i dati

Articoli correlati

1 di 3
Lascia un commento
Helpsystem Informatica

Helpsystem Informatica

Form di contatto veloce

I will be back soon

Helpsystem Informatica
Ciao, sono il BOT del sito 👋
Scegli il metodo che vuoi usare per comunicare con me.
Ti risponderò prima possibile! Grazie.
Inizia a chattare su:
chat
Aggiornamento contenuti
Helpsystem Informatica Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.
Ignora
Consenti notifiche
Verified by MonsterInsights