mercoledì 1 Febbraio 2023

Ultimi articoli

Internet

Cyberbullismo: Polizia di Stato e Censis insieme per sensibilizzare genitori e studenti

Cyberbullismo

Polizia di Stato e Censis hanno presentato i dati di una ricerca congiunta svolta per conoscere lo stato della sicurezza dei giovani nelle scuole e progettare campagne di sensibilizzazione sull’uso consapevole dei social network al fine di combattere il crescente fenomeno del cyberbullismo.


Nell’era della comunicazione digitale, dove il 91% dei giovani tra 14 e 18 anni è iscritto ad almeno un social network e l’87% usa uno smartphone connesso a internet, Polizia di Stato e Censis hanno presentato i dati di una ricerca congiunta svolta per conoscere lo stato della sicurezza dei giovani nelle scuole e progettare campagne di sensibilizzazione sull’uso consapevole dei social network al fine dicombattere il crescente fenomeno del cyberbullismo.

I dati della ricerca sono stati presentati alla Scuola superiore di polizia durante un incontro a cui hanno partecipato il direttore centrale delle specialità della Polizia di Stato, Roberto Sgalla, il segretario generale del Censis, Giorgio De Rita, e i dirigenti e i funzionari della Polizia di Stato che ogni giorno operano sul campo.

Dall’indagine, realizzata attraverso un questionario distribuito a 1.727 dirigenti scolastici di tutte le scuole secondarie di primo e di secondo grado, è risultato che è Internet per il 77% dei presidi delle scuole medie e superiori italiane internet è l’ambiente dove avvengono più frequentemente i fenomeni di bullismo, più che nei luoghi di aggregazione dei giovani (47%), nel tragitto tra casa e scuola (35%) o all’interno della scuola stessa (24%).

Il 52% dei presidi intervistati hadetto di aver gestito personalmente episodi di cyberbullismo, il 10% casi di sexting (l’invio con il telefonino di foto o video sessualmente espliciti) e il 3% casi di adescamento online. Quasi la metà dei dirigenti scolastici intervistati (il 45%) ha detto che il cyberbullismo ha interessato meno del 5% dei loro studenti, ma per il 18% dei presidi il sexting vede coinvolto tra il 5% e il 30% dei ragazzi.

Quasi 8 su dieci presidi intervistati (il 77%) ritiene il cyberbullismo un reato. Nel 51% dei casi accaduti il preside si è rivolto alle forze dell’ordine.

L’identikit del cyberbullo.

Per il 70% dei presidi italiani intervistati i cyberbulli sono maschi o femmine senza prevalenza di sesso, per il 19% invece sono piu’ le ragazze e per l’11% soprattutto i ragazzi. 9 su 10 dirigenti considera il fenomeno del cyberbullismo più grave del bullismo, perché più doloroso per chi ne subisce le conseguenze e con effetti negativi piu’ duraturi nel tempo sulla reputazione di chi viene attaccato. Secondo il 78% dei presidi i cyberbulli se la prendono con i ragazzi psicologicamente più deboli.

Scuole sempre più digitali.

Tutte le scuole hanno ormai un sito internet, che nel 65% dei casi è gestito dai docenti, nel 16% da personale non docente e nel 12% da consulenti esterni. Nell’86% delle scuole è presente una rete wi-fi, ma solo nel 5% degli istituti è liberamente accessibile agli studenti. Il 93% delle scuole ha un laboratorio multimediale, aperto oltre l’orario scolastico nel 17% dei casi. Il 55% delle pagine legate ad una scuola sui social network è gestita dagli studenti. Il ruolo della famiglia. Per la maggior parte dei dirigenti scolastici i genitori minimizzano il problema considerando il cyberbullismo poco più che uno scherzo tra ragazzi. La maggiore difficoltà secondo i presidi è quella di rendere consapevoli i genitori della gravità di cio’ che può accadere e quasi tutti i dirigenti (il 93%) ritengono poi che l’esempio dei genitori influenza molto o abbastanza il comportamento dei cyberbulli. Si ritiene, inoltre, che il cyberbullismo è un fenomeno più difficile da individuare rispetto a episodi di bullismo tradizionale perché i genitori sono nella maggior parte dei casi esclusi dalla vita online degli adolescenti.

Scuole in prima linea.

Quasi metà delle scuole italiane hanno avviato un programma volto a contrastare il cyberbullismo rivolto ai genitori, ma solo 1 scuola su 10 ha un vero e proprio programma di monitoraggio attraverso questionari rivolti a studenti e genitori. Inoltre, nel 39% delle scuole sono state già attuate alcune azioni specifiche contro il cyberbullismo previste dalle linee di orientamento del Ministero dell’istruzione mentre il 63% intende farlo nel corso di questo anno scolastico. Purtroppo, tra le varie iniziative promosse dalle scuole, in molti istituti vi è scarsa partecipazione dei genitori. A seguire le risposte piu’ frequenti date dai dirigenti scolastici al questionario loro fornito ai fini del sondaggio.

Opinioni dei presidi su atteggiamenti e comportamenti:

– I ragazzi più soggetti ad essere vittime di episodi di bullismo sono quelli più deboli psicologicamente 86,0%
– I genitori quando i propri figli compiono atti di bullismo/cyberbullismo tendono a minimizzare i fatti qualificandoli come scherzi fra ragazzi 80,7%
– I ragazzi più soggetti ad essere vittime di episodi di cyberbullismo sono quelli più deboli psicologicamente 78,0%
– Gli episodi di bullismo avvengono più frequentemente su internet 76,6%
– Oggi le relazioni amicali sono più numerose 72,5%
– Il bullismo è più diffuso nelle grandi città 71,6%
– I cyberbulli sono indifferentemente maschi e femmine 70,5%
– La gravità dei fenomeni di bullismo è percepita più dai genitori che dai ragazzi 65,6%
– L’esempio dei genitori influisce molto sui comportamenti dei bulli/cyberbulli 55,8%
– Il rapporto genitori-figli è meno facile 55,2%

Cyberbullismo e sexting:

– Il cyberbullismo è un reato 76,7%
– Il sexting è l’abitudine dei ragazzi/e di scambiarsi on-line confidenze e immagini sessuali in modo consenziente 69,2%
– Si può parlare di cyberbullismo quando gli insulti, le prepotenze, le denigrazioni tra ragazzi vengono diffuse in rete, si protraggono per tempo ed esprimono una volontà di danneggiare 59,7%
– Il sexting è un comportamento pericoloso 60,1%

Il cyberbullismo rispetto al bullismo è:

– Più difficile da individuare per gli adulti, perché non hanno accesso alla vita on-line dei giovani SI 88,7% – NO 11,3%
– Più doloroso per le vittime, perché subiscono danni alla loro reputazione in brevissimo tempo SI 89,7- NO 10,3%
– Meno grave, poiché non si esplicita in violenza fisica SI 3,3- NO 96,7%
– Più frequente, perché il cyberbullo non assiste fisicamente alle reazioni della vittima SI 78,5 – NO 21,5% 

Fonte ufficiale dati:

  1. Rapporto Censis
  2. Rapporto Censis

Articoli correlati

1 di 8
Lascia un commento

Rilevato Adblock

I sistemi hanno rilevato il blocco di script e pubblicità. Ti consiglio di disattivarli. Grazie.

Refresh Page
x
Helpsystem Informatica

Helpsystem Informatica

Form di contatto veloce

I will be back soon

Helpsystem Informatica
Ciao, sono il BOT del sito 👋
Scegli il metodo che vuoi usare per comunicare con me.
Ti risponderò prima possibile! Grazie.
Inizia a chattare su:
chat

Hai uno smartphone Android?

Visita il mio sito usando la mia APP, ti basta cliccare il pulsante qui sotto per scaricarlo in pochi secondi

Helpsystem Informatica Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.
Ignora
Consenti notifiche
Verified by MonsterInsights