mercoledì 1 Febbraio 2023

Ultimi articoli

Hardware

Il calo delle vendite di visori VR potrebbe significare cattive notizie per il metaverso

In poche parole: con Facebook che ha cambiato il proprio nome aziendale in Meta e così tanta attenzione è stata posta sul futuro della realtà virtuale, si potrebbe immaginare che quest’anno più persone abbiano acquistato visori VR. La realtà preoccupante per il gigante dei social media è che è successo il contrario: le spedizioni sono crollate di oltre il 12% anno su anno nel 2022.

Nonostante il respingimento da parte dei consumatori e delle figure del settore, Meta continua a raddoppiare le sue ambizioni metaverse. Reality Labs, la divisione responsabile di questa unità, ha perso circa 16 miliardi di dollari dall’inizio dello scorso anno, il tutto mentre l’utile netto di Facebook diminuisce mentre gli inserzionisti continuano a spendere in questi tempi di turbolenza economica.

Ma la fede ossessiva di Mark Zuckerberg nel metaverso potrebbe essere la sua rovina? Le cose non stanno andando bene. Un mondo di realtà virtuale condiviso richiede agli utenti di possedere cuffie VR, ovviamente, ma le loro vendite sono diminuite del 2% (anno su anno) negli Stati Uniti quest’anno a $ 1,1 miliardi. È una notizia ancora peggiore su scala globale, dove le spedizioni sono diminuite del 12% su base annua a 9,6 milioni, secondo i dati condivisi con CNBC dalla società di ricerca NPD Group.

Meta Quest Pro da $ 1.500

È improbabile che le cifre siano una preoccupazione per Zuckerberg. Il CEO afferma che l’investimento nel metaverso oggi potrebbe non raccogliere alcuna ricompensa per un altro decennio, a quel punto la piattaforma di realtà virtuale potrebbe potenzialmente iniziare a guadagnare centinaia di miliardi, se non trilioni, di dollari.

Tuttavia, poche persone condividono la convinzione di Zuck che lo spazio VR diventerà il nuovo Internet. Un analista ha recentemente previsto che la maggior parte dei progetti di business del metaverso sarà chiusa entro il 2025. Altrove, un sondaggio condotto su quasi 10.000 adolescenti all’inizio di quest’anno ha mostrato che la metà non era interessata al metaverso e abbiamo persino sentito parlare di alcuni membri dello staff di Meta che condividono questo scetticismo.

Poi c’è John Carmack. Il leggendario programmatore, che lavorava su Facebook/Meta da quando ha acquisito Oculus nel 2014, ha espresso disappunto per i progressi del metaverso a ottobre. Ha lasciato l’azienda questo mese, definendo Meta inefficiente, costantemente autosabotante e mal preparato per l’inevitabile concorrenza che alla fine arriverà.

Ma non sono tutte cattive notizie per Meta. Come tanti altri settori, i visori VR hanno registrato un boom delle vendite lo scorso anno – le entrate negli Stati Uniti sono raddoppiate rispetto ai circa 530 milioni di dollari del 2020, secondo NPD – grazie in parte a tutte le promozioni e alla pandemia, quindi un calo non è del tutto inaspettato. E Oculus Quest 2 di Meta continua a dominare lo Steam Survey con una quota di utenti di quasi il 50%. Se ciò placherà i nervosi azionisti di Meta è un’altra questione.

Articoli correlati

1 di 10
Lascia un commento

Rilevato Adblock

I sistemi hanno rilevato il blocco di script e pubblicità. Ti consiglio di disattivarli. Grazie.

Refresh Page
x
Helpsystem Informatica

Helpsystem Informatica

Form di contatto veloce

I will be back soon

Helpsystem Informatica
Ciao, sono il BOT del sito 👋
Scegli il metodo che vuoi usare per comunicare con me.
Ti risponderò prima possibile! Grazie.
Inizia a chattare su:
chat

Hai uno smartphone Android?

Visita il mio sito usando la mia APP, ti basta cliccare il pulsante qui sotto per scaricarlo in pochi secondi

Helpsystem Informatica Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.
Ignora
Consenti notifiche
Verified by MonsterInsights