News Internet

Le denunce per la protezione dei dati del Regno Unito sono più che raddoppiate in base alle nuove regole GDPR

 GDPR

Il numero di denunce depositate presso il servizio di protezione dei dati nel Regno Unito è più che raddoppiato dall’introduzione di nuove normative europee.

Ci sono stati 6.281 reclami presentati presso l’Ufficio del Commissario per le informazioni tra il 25 maggio, quando sono entrate in vigore le nuove regole del GDPR e il 3 luglio, un aumento di oltre il doppio delle 2.417 denunce nello stesso periodo dell’anno precedente.

L’ICO, che applica le nuove regole nel Regno Unito, non ha detto se la maggior parte dei nuovi casi è GDPR, poiché il cane da guardia non separa i suoi reclami per tipo, ma ha detto che l’agenzia prevede che le cifre continueranno a scalata.

“In generale, come anticipato, abbiamo assistito a un aumento dei rapporti sulle violazioni dei dati personali delle organizzazioni”, ha affermato un portavoce dell’ICO. “Anche i reclami relativi alle questioni relative alla protezione dei dati sono aumentati e, poiché sempre più persone diventano consapevoli dei loro diritti individuali, ci aspettiamo che aumenti anche il numero di reclami per l’ICO”.

Ne consegue un aumento analogo riportato in cifre dalla vicina Irlanda, con oltre la metà delle nuove denunce che rientrano nell’ambito del GDPR da quando è stata introdotta la legge.

Le nuove norme a livello di UE sostituiscono le norme di protezione dei dati e di privacy da lungo tempo in ritardo in 28 blocchi di Stato membri di vent’anni fa. Secondo i nuovi regolamenti, i cittadini europei possono richiedere i loro dati alle aziende e possono chiedere che i loro dati vengano corretti e cancellati in base alla cosiddetta disposizione sul “diritto all’oblio”.

Le aziende che non rispettano le nuove regole possono affrontare multe salate.

In base ai nuovi regolamenti GDPR, ciascuna ammenda è limitata a circa 20 milioni di euro (16,5 milioni di sterline) o al quattro per cento delle entrate annuali globali. Precedentemente, l’ammenda massima è stata fissata a £ 500.000 – una goccia nell’oceano ad alcune importanti compagnie.

Lo studio legale EMW ha ottenuto le cifre in seguito a una richiesta di libertà di informazione.

“Nonostante ciò sia all’orizzonte da un paio d’anni, la realtà del lavoro coinvolto nell’implementazione e nella conformità continua potrebbe aver sorpreso molte aziende”, ha dichiarato James Geary, responsabile EMW. “Non rispondere prontamente alle richieste di accesso dei soggetti o il diritto di essere dimenticati richieste potrebbe comportare una multa e il tempo necessario per rispondere correttamente non dovrebbe essere sottovalutato.”

“Maggiore è il numero di dati di un’azienda, più difficile è rispondere rapidamente e nel modo corretto e conforme”, ha affermato.

Qual è la tua reazione?

Articoli correlati

1 di 88
Share via
×
Notifiche da Facebook
×
Notifiche da Instagram
×
Notifiche iscrizione
Send this to a friend