News Telefonia

Google affronta un’importante causa antitrust multi-stato per le commissioni di Google Play

Un gruppo di 37 procuratori generali ha intentato una seconda importante causa antitrust multi-stato contro Google mercoledì, accusando la società di abusare del suo potere di mercato per soffocare i concorrenti e costringendo i consumatori a pagamenti in-app che garantiscono alla società un taglio pesante.

Il procuratore generale di New York Letitia James è a capo della causa insieme ai procuratori generali del Tennessee, della Carolina del Nord e dello Utah. La coalizione bipartisan rappresenta 36 stati degli Stati Uniti, tra cui California, Florida, Massachusetts, New Jersey, New Hampshire, Colorado e Washington, oltre al Distretto di Columbia.

“Attraverso la sua condotta illegale, l’azienda ha assicurato che centinaia di milioni di utenti Android si rivolgono a Google, e solo a Google, per i milioni di applicazioni che possono scegliere di scaricare sui loro telefoni e tablet”, ha affermato James in un comunicato stampa. “Peggio ancora, Google sta spremendo la linfa vitale di milioni di piccole imprese che cercano solo di competere”.

A dicembre, 35 stati hanno intentato un’azione antitrust separata contro Google , sostenendo che la società si era impegnata in comportamenti illegali per mantenere il monopolio sull’attività di ricerca. Il Dipartimento di Giustizia ha presentato il proprio caso antitrust incentrato sulla ricerca lo scorso ottobre.

Nella nuova causa, incorporata di seguito, la coalizione bipartisan degli stati afferma che Google utilizza avvisi di sicurezza “fuorvianti” per mantenere i consumatori e gli sviluppatori all’interno del suo giardino di app recintato, il Google Play Store. Ma le commissioni che Google riscuote dagli sviluppatori di app Android sono probabilmente il cuore del caso.

“Non solo Google ha agito illegalmente per impedire ai potenziali rivali di competere con il suo Google Play Store, ma ha anche tratto profitto dal bloccare in modo improprio gli sviluppatori di app e i consumatori nel proprio sistema di elaborazione dei pagamenti e quindi addebitare commissioni elevate”, ha affermato il procuratore generale del Distretto di Columbia Karl Racine .

Come Apple, Google raccoglie tutta l’elaborazione dei pagamenti delle app nel proprio servizio, Google Play Billing, e raccoglie i frutti: un taglio del 30% di tutti i pagamenti. Gran parte delle critiche qui è un caso che potrebbe – e probabilmente sarà – essere fatto contro Apple, che esercita un controllo ancora maggiore sul proprio ecosistema di app. Google non ha un’app esclusiva equivalente a iMessage che mantiene gli utenti bloccati allo stesso modo.

Mentre la causa discute il “potere monopolistico” di Google nel mercato delle app, l’elefante nella stanza è Apple, il fiorente concorrente diretto di Google nello spazio del software mobile. La causa sostiene che i consumatori devono affrontare pressioni per rimanere bloccati nell’ecosistema Android, ma almeno dal lato Android, gran parte di ciò è in definitiva familiarità e costi irrecuperabili. L’argomento sul lato Apple dell’equazione qui è probabilmente molto più forte.

Il baccano sui giganti della tecnologia che schiacciano gli sviluppatori di app con commissioni di pagamento mobili elevate sta diventando sempre più forte. La nuova causa multi-stato è l’ultima battuta, ma l’argomento è stato incandescente da quando Epic ha portato Apple in tribunale per il suo desiderio di aggirare le commissioni di Apple accettando pagamenti mobili al di fuori dell’App Store. Quando Epic ha creato una soluzione alternativa, Apple l’ha eliminata dall’App Store ed è nata Epic Games v. Apple .

Secondo quanto riferito, il Dipartimento di Giustizia è già interessato alle pratiche dell’app store di Apple, insieme a molti AG statali che potrebbero avviare una causa separata contro la società in qualsiasi momento.

Qual è la tua reazione?

Articoli correlati

1 di 88
Share via
×
Notifiche da Facebook
×
Notifiche da Instagram
×
Notifiche iscrizione
Send this to a friend